Vini unicorno

Cofano Ponson

La storia del vino inizia nel 1862 con Grégoire Bonnet, uno dei primi collezionisti-maneggiatori della città di Chamery.

Jules Bonnet rileva la tenuta, amplia il vigneto di Chamery e nel 1902 installa una pressa Dubois da 5.500 kg, completamente alimentata dall'energia umana, mentre l'elettricità umana non è ancora installata nel villaggio. A quel tempo l'attività dell'azienda si divideva tra la produzione familiare di cavas e vini fermi e la vendita di uva per le grandi case.

Dopo la distruzione della seconda guerra mondiale, Raoul Bonnet ha dovuto trasferire la proprietà. Iniziò quindi la costruzione della nostra attuale cantina per immagazzinare la sua produzione di circa 5.000 bottiglie all'anno. Fu presto raggiunto dal figlio André Bonnet che, dall'età di 14 anni, si occupò di arare le vigne con i 2 cavalli da tiro della casa.

LA NASCITA DI BONNET-PONSON

L'incontro del 1957 e il matrimonio di André Bonnet e Monique Ponson portarono alla creazione della tenuta Bonnet-Ponson. Oltre al vigneto Chamery, aveva appezzamenti di Meunier sur Vrigny e Coulommes-la-Montagne, un lascito di Monique Ponson il cui nonno era già un viticoltore.

Dopo una vita di duro lavoro, il suo vigneto si estende su oltre 9 Ha, piantati con le 3 varietà di uve Champagne in proporzioni equivalenti. Underground, questo si sta sviluppando anche con l'ampliamento della cantina di André Bonnet, desideroso di sviluppare lo stile dei suoi champagne verso una maggiore complessità e maturità.

Quando Thierry Bonnet si è unito ai suoi genitori nel 1979, tutte le fasi della produzione degli Champagne Bonnet-Ponson sono state eseguite dalla famiglia e dai suoi 3 dipendenti, inclusa la sboccatura on the go di circa 70.000 bottiglie.

LA QUINTA E LA SESTA GENERAZIONE

Per 30 anni, Thierry Bonnet ha continuato a sviluppare la tenuta costruendo nuove cantine, oltre ad aggiungere un ulteriore ettaro di vigneto al vigneto, diversi appezzamenti situati nei terroir di Chamery, Vrigny e Verzenay. Thierry è tornato anche a lavorare sui vini understory nel 1988 con la prima annata della cuvée Jules Bonnet Blanc de Noirs.

Dopo aver conseguito il diploma in enologia nel 2006, Cyril Bonnet ha iniziato a lavorare nella tenuta di Frontón per 6 anni prima di unirsi a suo padre nel 2013. Ha quindi iniziato a convertire la tenuta all'agricoltura biologica e allo sviluppo del vigneto. metodi alternativi basati sulla fitoterapia. In cantina alcuni vini vengono ora vinificati senza solfiti, con la nascita di una nuova cuvée a breve.

La personalità di un vino dipende principalmente dall'origine delle uve con cui è prodotto. Quelli della nostra casa provengono sempre dal vigneto di famiglia, una cinquantina di parcelle sparse nei villaggi di Chamery, Vrigny, Coulommes-la-Montagne e Verzenay.

Lungo questa facciata della Montagne de Reims, i molti versanti della costa creano terroir con esposizioni variate, che vanno da nord a sud-est. Anche la natura dei terreni cambia a seconda dei paesi e delle località, tra sabbia, calcare e argilla, creando situazioni favorevoli per i vari vitigni.

Con una superficie totale di 10,5 Ha, il nostro vigneto ha un'età media di 35 anni. Oggi è coltivato con 3,80 Ha di Pinot Nero, 3,30 Ha di Meunier, 3,20 Ha di Chardonnay e 0,20 Ha di Petit Meslier.MAPPA DI TERRUÑO

CHAMERY, VRIGNY E COULOMMES LA MONTAGNE

La maggior parte dei nostri appezzamenti sono piantati sulle pendici di questi 3 villaggi classificati Premier Cru. Questa parte della montagna di Reims si è formata in epoca terziaria e comprende diversi strati geologici accumulati sulla base del gesso campano.

In fondo alla costa troviamo sabbie, suoli leggeri e caldi; La maggior parte del nostro Pinot Meunier cresce in questi terreni, producendo vini dai frutti intensi e talvolta esotici. Leggeri e facili da digerire nella loro giovinezza, sviluppano un materiale bellissimo con l'età.

Risalendo il pendio, la proporzione di limo aumenta e si mescola con l'argilla. È il terroir dei nostri Pinot Nero che prospera in questi terreni profondi e ben esposti. I vini di queste "costole medie" hanno una bella struttura e mostrano una magnifica profondità aromatica, su frutti rossi e gialli e spezie.

Più a monte sono piantati i nostri appezzamenti di Chardonnay, protetti dal rischio delle gelate primaverili. Il terreno è più argilloso, talvolta misto a ghiaioni calcaree e frammenti di selce. I vini qui mostrano vivacità e onestà, con un record aromatico intorno a fiori bianchi, agrumi e frutti bianchi. Un po' riservati in gioventù, sono molto più espressivi negli anni e fanno spesso parte dei nostri vini di riserva.

VERZENAY

Dal 2003 lavoriamo su 5 appezzamenti di vecchie vigne di Pinot Nero in questo villaggio classificato grand cru. L'esposizione a nord del versante crea una situazione particolarmente favorevole per l'espressione del Pinot Nero.

Le vendemmie relativamente tardive consentono una maturazione graduale, preservando l'acidità dei grappoli e conferendo ai vini grandi potenzialità di invecchiamento. La trama minerale fornita dalla terra calcarea contribuisce alla potenza e all'equilibrio di questi vini, che è la base del nostro champagne Jules Bonnet Blanc de Noirs.

Attaccamento alla nostra terra, ricerca della genuinità, rispetto degli esseri viventi: questi valori tanto cari a Bonnet-Ponson ci hanno portato naturalmente a lavorare i nostri vigneti con metodi biologici e sostenibili. Dal 2013, certificazione biologica riguarda tutto il nostro vigneto, garantendo così che i nostri appezzamenti non ricevano insetticidi, erbicidi o fungicidi di sintesi.

La protezione fitosanitaria essenziale contro l'oidio e l'oidio è svolta da fungicidi naturali (rame e zolfo) utilizzati in aggiunta ai preparati vegetali autoctoni preparati in azienda (macerazione e infusione di ortica, equiseto e consolida maggiore).

L'obiettivo è soprattutto quello di esaltare la vitalità della pianta e la sua capacità di difesa. È un approccio più preventivo e completo che curativo. La conseguenza più concreta e misurabile è la vendemmia priva di tracce di pesticidi perché questi trattamenti agiscono sulla superficie (contatto) senza penetrare nella circolazione della pianta.

PIANO VIVO

La vegetazione si sviluppa naturalmente nelle nostre viti durante buona parte dell'anno, permettendo il rinnovamento dello strato di humus essenziale per la vita del suolo.

Da aprile a luglio, la manutenzione del suolo viene effettuata grattando e scavando. Questo aratro poco profondo consente al terreno di respirare e fa sì che le viti attecchiscano più profondamente. La vite può quindi nutrirsi della sostanza minerale del luogo e acquisire una migliore resistenza alle aggressioni climatiche.

Questo metodo di coltivazione porta ad una riduzione delle rese, ampiamente compensata dalla qualità superiore dei grappoli e da un migliore equilibrio acido/zucchero nei succhi. Una vite che produce meno uva ha anche un'aspettativa di vita più lunga.

Vinificazione

Dalla vendemmia, ogni fase della vinificazione viene eseguita con metodi gentili e rispettosi, con l'obiettivo di rivelare l'espressione più pura dei nostri vini Champagne.

Pigiata per parcella o per gruppo di parcelle vicine, l'uva rilascia il mosto che defluisce per gravità nelle vasche di decantazione situate nelle nostre cantine. Vengono fatti fermentare il giorno successivo con lievito madre della nostra casa, una coltura di lievito dei nostri terroir precedentemente sviluppata da uve pigiate una settimana prima della vendemmia. Questo procedimento permette di limitare al minimo l'utilizzo dei solfiti, o addirittura di farne a meno del tutto durante una parte della vendemmia.

UN LAVORO DI PAZIENZA

In botti di rovere, acciaio inox o cemento, ogni mosto fermenta nel contenitore, permettendo la migliore espressione delle sue qualità, preservandone il potenziale di invecchiamento. La fase di maturazione dura almeno 7 mesi: il vino nuovo forgia poi, a contatto con i propri lieviti, la struttura che ne garantirà l'evoluzione nel tempo. La chiarifica avviene naturalmente, grazie al freddo dell'inverno ei vini generalmente non vengono filtrati.

Ogni anno, tra il 30 e il 401TT del raccolto va alla riserva per la miscelazione con le annate successive. Questa "memoria del gusto" iniziata 50 anni fa da André Bonnet garantisce la coerenza dello stile della casa Bonnet-Ponson.

Al termine della svinatura e della presa di spuma, le nostre cuvée aspettano dai 3 ai 10 anni nella quiete delle nostre cantine, il tempo necessario per raggiungere il punto di perfetta maturazione, con equilibrio tra freschezza e vinosità.

Alla fine dell'invecchiamento, ogni bottiglia viene sboccata da noi, quindi riceve la dose di liquore di spedizione più adatta a lei, il tocco finale nell'elaborazione dei nostri cavas.

Salva e condividi il carrello
Il tuo carrello verrà salvato e ti verrà fornito un link. Tu, o chiunque abbia il link, puoi usarlo per recuperare il tuo carrello in qualsiasi momento.
Di ritorno Salva e condividi il carrello
Il tuo carrello verrà salvato con le immagini e le informazioni sui prodotti e i totali del carrello. Quindi invialo a te stesso o a un amico con un link per recuperarlo in qualsiasi momento.
L'email del tuo carrello è stata inviata con successo :)